Navigazione

Prospettive di sostenibilità del settore lattiero-caseario

L’IDF ha raccolto una serie di casi di studio, che evidenziano l’interconnessione tra nutrizione e benessere nell’ambito della sostenibilità.

immagine in evidenza

L’IDF ha raccolto una serie di casi di studio, che evidenziano l’interconnessione tra nutrizione e benessere nell’ambito della sostenibilità.

La serie, IDF Dairy Sustainability Outlook, mette in luce le iniziative implementate dal settore lattiero-caseario globale per contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. Il settimo numero “Prospettive di sostenibilità del settore lattiero-caseario” è dedicato alla prima Conferenza globale della FAO sulla trasformazione sostenibile del bestiame, svoltasi a Roma dal 25 al 27 settembre 2023.


Il direttore generale dell’IDF, Caroline Emond, sottolinea come: “Siano stati raccolti una serie di casi di studio che mostrano come il settore lattiero-caseario lavori per migliorare la produzione, l’ambiente, la vita e, soprattutto, l’alimentazione in tutto il mondo. La sicurezza nutrizionale costituisce un elemento fondamentale per la salute umana e sostiene il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile 2 e 3, evidenziando l’interconnessione tra nutrizione e benessere nell’ambito degli sforzi di sostenibilità.

Il valore nutrizionale insito nel latte e nei prodotti lattiero-caseari svolge un ruolo fondamentale nel promuovere la salute individuale e sociale, offrendo al tempo stesso un percorso verso uno sviluppo sostenibile e rispettoso dell’ambiente attraverso pratiche di produzione e una gestione delle risorse responsabili. Il settore lattiero-caseario fornisce alimenti ricchi di nutrienti che fanno parte di diete sane e contribuiscono quindi alla salute e alla nutrizione umana.

Essendo i principali fornitori di un’ampia gamma di nutrienti come proteine di alta qualità e micronutrienti essenziali come calcio, fosforo, potassio, iodio e vitamine A, B2, B12, i prodotti lattiero-caseari sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile 2 e 3. I nutrienti con cui i latticini contribuiscono a una dieta sana sono fondamentali per tutti, ma soprattutto per i bambini, le donne incinte e gli anziani, che hanno maggiori esigenze nutrizionali. Inoltre, i nutrienti contenuti nei latticini lavorano insieme completandosi a vicenda come parte di un’unica matrice. Pertanto, la combinazione e l’interazione uniche tra i componenti dei diversi latticini creano effetti positivi sulla salute che non si ottengono quando questi stessi nutrienti vengono ingeriti in altre forme”.

Caroline Emond ha anche sottolineato che: “La sostenibilità dei sistemi alimentari non si basa esclusivamente su considerazioni ambientali, ma anche sul valore nutrizionale degli alimenti consegnati e sulle loro combinazioni”. Secondo la definizione della FAO, “un sistema alimentare sostenibile è quello che garantisce sicurezza alimentare e nutrizione per tutti in modo tale che le basi economiche, sociali e ambientali per generare sicurezza alimentare e nutrizione per le generazioni future non siano compromesse”. Come affermato dalla FAO, la salute è un requisito fondamentale per realizzare sistemi alimentari sostenibili.

La buona salute è un diritto umano fondamentale e un prerequisito affinché gli individui possano partecipare pienamente alla società e contribuire allo sviluppo sostenibile. Senza salute e benessere non è possibile realizzare un’economia forte, mantenere un ambiente fiorente o costruire una società forte. Pertanto, è fondamentale garantire la qualità nutrizionale dei prodotti alimentari quando si concepisce un’industria più sostenibile. “I casi di malnutrizione sono presenti in tutto il mondo”, precisa Caroline Emond. “Per questo è necessario riconoscere l’importanza degli alimenti ricchi di nutrienti e fare la distinzione tra alimentare e nutrire. Mentre l’alimentazione può soddisfare la fame, il nutrimento va oltre fornendo al corpo gli elementi necessari per una crescita, uno sviluppo e una riparazione ottimali. Fornire semplicemente calorie non è sufficiente per porre fine alla fame: i prodotti alimentari devono essere sicuri e ricchi di sostanze nutritive”.


Con l’obiettivo di mostrare il ruolo primario del settore lattiero-caseario in termini di nutrizione e salute nello sviluppo sostenibile, questo numero della serie IDF Dairy Sustainability Outlook include anche iniziative in tutti e quattro gli ambiti della Conferenza globale della FAO sulla trasformazione sostenibile del bestiame. Attraverso questi casi studio viene dimostrato come il settore lattiero-caseario globale stia fornendo una migliore alimentazione e nutrizione alle persone, migliorando, al tempo stesso, la produzione migliore, l’ambiente e la vita. Nel complesso, il latte e i latticini si dimostrano essenziali per garantire diete sane e sostenibili per tutti: sono convenienti e hanno un basso impatto ambientale per la loro densità nutrizionale.

Lo studio italiano

Tra i diversi casi studio presentati nel settimo numero della serie, IDF Dairy Sustainability Outlook, ce n’è uno italiano “Latte vaccino: c’è posto nelle diete sane e sostenibili?” di Ivana Gandolfi, Parmalat (Lactalis Italia). L’autrice sottolinea come il consumo quotidiano di latte/yogurt sia raccomandato dalle linee guida nutrizionali per una dieta sana, poiché sono un’ottima fonte di importanti nutrienti come calcio, vitamina D e proteine. Tuttavia, in Italia e in molti altri Paesi il consumo di latte vaccino (MC) si sta progressivamente riducendo. Ci sono diverse ragioni dietro questa riduzione, tra cui allergie, intolleranza al lattosio e preoccupazione per il benessere degli animali e per la salute del pianeta. Inoltre, il settore lattiero-caseario è preso di mira dalla diffusione di fake news; questi elementi rendono necessaria una comunicazione basata sull’evidenza sul ruolo dei prodotti lattiero-caseari nelle diete sane e sostenibili. Naturalmente, ciò va fatto tenendo conto delle porzioni e delle frequenze di consumo, delle diverse esigenze dei diversi target di popolazione e valorizzando la necessità di attuare approcci green in termini di sostenibilità. L’iniziativa mira ad aumentare la conoscenza sul ruolo del latte e dei latticini in diete ottimizzate, sane e sostenibili attraverso l’implementazione della letteratura scientifica su questo argomento, utilizzandola per una comunicazione efficace e basata sull’evidenza diretta alla popolazione generale e a specifici gruppi target. Per dimostrare il ruolo dei latticini nelle diete sane e sostenibili, le principali azioni messe in atto finora sono: i) la revisione sistematica dell’impatto della sostituzione del latte vaccino con alternative a base vegetale sui marcatori della salute umana; ii) la valutazione dell’impatto sull’assunzione di nutrienti a seguito della sostituzione dei prodotti dietetici con bevande a base vegetale (PBD), sia nei modelli dietetici basati sul modello italiano.
I risultati della revisione indicano che, a causa dello scarso numero di studi e dell’eterogeneità in termini di caratteristiche dei soggetti, durata e marcatori, l’evidenza sugli effetti della sostituzione del latte vaccino con bevande a base vegetale sui marcatori della salute umana è ancora limitata. Tuttavia, la valutazione dell’impatto sull’assunzione di nutrienti in seguito alla sostituzione di latte vaccino con bevande a base vegetale ha rivelato che una sostituzione indifferenziata potrebbe portare a conseguenze nutrizionali indesiderate a causa di un ridotto apporto di nutrienti importanti (ad esempio Ca, Vit. B1, B2 e B12), e questo rischio non sempre è adeguatamente percepito dalla popolazione.

Il valore dell’iniziativa
L’autrice sottolinea come il lavoro attuale risponda all’urgente necessità di comprendere il ruolo del latte vaccino nelle diete sane e sostenibili e il suo impatto sulla qualità della dieta e sulla salute umana. Si evidenzia la mancanza di dati in letteratura circa l’impatto sulla salute umana dell’eliminazione del latte vaccino dalla dieta o della sua sostituzione inconsapevole con bevande a base vegetale. I dati ottenuti possono aiutare a contrastare la diffusione di fake news legate al latte vaccino. Le evidenze raccolte potranno essere inserite in materiali didattici da diffondere in progetti di educazione alimentare volti a evidenziare il ruolo dei latticini nelle diete sane e sostenibili.

Nuove opportunità
Il prossimo passo di questa iniziativa sarà l’ottimizzazione dei piani dietetici che includono il latte vaccino, al fine di massimizzare la qualità della dieta riducendo al minimo l’impatto ambientale di questi modelli. I risultati raccolti da questa iniziativa forniranno ulteriori informazioni basate sull’evidenza che dovrebbero essere utilizzate per una comunicazione efficace sul ruolo del latte vaccino nelle diete sane e sostenibili. Ciò sarà fondamentale per contrastare la diffusione di fake news legate al settore lattiero-caseario e per informare le persone sui rischi nutrizionali derivanti dalla sostituzione totale del latte vaccino, soprattutto a lungo termine.

Iscriviti gratuitamente e amplia il tuo bagaglio di conoscenze! Iscriviti al convegno

Dettagli

30/04/2024

Condividi via

News correlate

Come abbassare l’impronta carbonica delle aziende da latte

mar 26 aprile 2022

L’avvio degli effluenti zootecnici alla digestione anaerobica è la tecnologia più efficace per contenere le emissioni di gas ad effetto...

immagine in evidenza

Latteria Soresina acquisisce il caseificio Oioli

ven 07 aprile 2023

Latteria Soresina, Cooperativa lattiero-casearia italiana leader nella produzione del Grana Padano e riconosciuta per eccellenze come il Burro, il Provolone,...

immagine in evidenza

La sostenibilità dei prodotti lattiero-caseari

mar 02 maggio 2023

Le politiche di produzione sostenibili e le preoccupazioni dei consumatori potrebbero alterare le proiezioni per il settore lattiero-caseario. In alcuni...

immagine in evidenza
Scoprile tutte